22 Febbraio 2017: Video e materiali dell’ incontro: Realizziamo la Cittadella della salute

image_pdfimage_print

Mercoledì 22 febbraio 2017 ore 18.00

presso nel centro civico di Prestino in Via D’Annunzio 52 (Como)

Realizziamo la Cittadella della salute

Confronto pubblico sull’applicazione della Riforma Sanitaria Lombarda

Partecipano all’incontro i Consiglieri Regionali:

Luca Gaffuri per il PD, Chiara Cremonesi per SEL, Paola Macchi per il Movimento 5 stelle. Moderatore del dibattito: Antonio Muscolino del Comitato Cittadella della salute

Forum Sanità/Welfare della Federazione provinciale PD • CDL CGIL Como • Forum Salute della Federazione provinciale SI • UST CISL FP dei Laghi • Federazione provinciale PRC • Medicina Democratica • UIL del LARIO como/LECCO• UIL FPL del LARIO como/LECCO • RSU CGIL ASST LAriana • RSU UIL ASST LARIANA • Amo la mia Città • Funzione Pubblica CGIL di Como ∙  CISL FP DEI LAGHI • RSU CISL FP ASST LARIANA.• FEDERAZIONE SINDACATI AUTONOMI COMO ∙ PacoSEL • ARCI • Gruppo spontaneo di cittadini Quale futuro per Rebbio • Legambiente Como • ACLI • SINDACATO PENSIONATI CGIL REBBIO • AUSER • lA CITTA’ POSSIBILE COMO • FIAB COMO(Federazione Italiana Amici Bicicletta) • Comitato comasco Altra Europa • Forum del Terzo Settore di Como • Lista per Como • AVC CSV

Download (PDF, 253KB)

REALIZZIAMO LA CITTADELLA DELLA SALUTE

Nonostante le proposte avanzate dal Comitato della Cittadella della salute in merito alla valorizzazione dell’area del’ex ospedale S. Anna, la situazione da mesi è stagnante. La nostra richiesta di un confronto con i Dirigenti dell’attuale ASST non è stato accolta, anche se nel Piano Organizzativo Strategico Aziendale si fa riferimento alla Cittadella della salute, senza però entrare nel merito della sua realizzazione.

La riforma sanitaria lombarda prevede la valorizzazione dei servizi territoriali per far fronte alle condizioni di cronicità, che ormai riguardano una percentuale importante della popolazione, e ha come criterio prevalente quello della presa in carico del paziente.

Nella realtà però non si riesce ancora a intravedere una prospettiva di riorganizzazione territoriale in grado di realizzare dei percorsi di cura multidisciplinari e personalizzati, che facilitino l’assistenza al domicilio. Anzi si ha l’impressione che ai servizi del territorio vengano assegnate sempre meno risorse, mantenendo cosi un’idea ospedalocentrica, come dimostrato dai continui afflussi al Pronto Soccorso, vissuto come unica possibilità di assistenza.

Anche l’ultimo bando, che prevedeva la messa in vendita della parte privata dell’area, è andato disatteso e questo rischia di diventare la scusa per non realizzare alcune opere a basso costo, ma che potrebbero cominciare a restituire questo bene comune alla cittadinanza comasca.

Ribadiamo che l’attuale frammentazione dei servizi alla persona sul territorio non facilita l’accesso alle cure, soprattutto per quanto riguarda le persone più svantaggiate. Pensiamo che l’ex s. Anna si presti ad essere i1 luogo dove favorire il coordinamento dei vari soggetti che intervengono nel processo di presa in carico e dove promuovere e valorizzare la partecipazione dei cittadini e delle associazioni di volontariato con uno spazio dedicato in modo da garantire la conoscenza dei diritti e l’erogazione di servizi sanitari e sociosanitari esigibili.

Gli spazi esterni, come il parco e le zone di passaggio, dovrebbero essere aperti all’uso della città per avvicinare il cittadino/utente alla struttura sanitaria, in modo che il giardino della Cittadella non sia un “cortile chiuso” , ma un “parco urbano”, che lo spazio antistante il monoblocco diventi una piazza pubblica. e che l’apertura dei cancelli di Via Colonna e di S. Carpoforo permetta di creare un percorso ciclo=pedonale alternativo alla Napoleona.

Il nostro obiettivo è quello di porre al confronto e alla discussione le nostre ipotesi di riorganizzazione con i vari attori del territorio (Direttore generale dell’ASST, direttore socio sanitario dell’ASST, Direttore sanitario dell’ASST, rappresentanti delle istituzioni, Associazioni) affinché non si realizzi un modello calato dall’alto ma la proposta di un’idea partecipata e condivisa.

Il Comitato Cittadella della Salute

Video da ecoinformazioni (https://ecoinformazioni.wordpress.com/)

Articolo Ecoinformazioni (click)